Product Manager e Product Owner, qual è la differenza?

È una domanda che ci hanno posto in tanti, la risposta non è banale.
Product Manager e Product Owner sono 2 eroi che lavorano fianco a fianco come Batman e Robin oppure sono la stessa persona che assume 2 identità? Di giorno insospettabile esperto di business e di notte nei bassi fondi a lottare contro i bug a fianco del team tecnico.

Non ho un punto di vista abbastanza definito in merito e non saprei dire in quali contesti è preferibile separare il ruolo del Product Owner da quello del Product Manager.

Ho quindi deciso di chiedere aiuto alla community di Product Heroes. Ho posto poche semplici domande ai nostri Eroi su Slack chiedendo di condividere il loro punto di vista. Ho raccolto tantissimi spunti interessanti che ho deciso di condividere qui senza editing, facendo un semplice copia-incolla dalla chat.

Partiamo subito con la prima domanda!

Gianluca, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Gianluca Tosca – Head of Product di Supermercato24. Nel digital dagli anni 2000 (col modem a 56k) e in vari settori: editoria, telco, classified e grocery delivery.

Credo che la differenza principale risieda nei risultati che devono portare. Il Product Manager (PM) deve avere comprensione del prodotto e di come quest’ultimo si colloca nel mercato e soddisfa i bisogni degli utenti. Ha quindi il compito di capire quale direzione debba prendere il prodotto e come misurarne il successo. 

Il Product Owner (PO) è invece una figura tipicamente legata al framework Agile che vede nella prioritizzazione del backlog e nella definizione delle user stories con il team di sviluppo il focus del suo contributo. Si tratta quindi di un ruolo più marcatamente orientato verso la prioritizzazione e la delivery, piuttosto che sul risultato dell’iniziativa.
Sono convinto che la rotondità del ruolo data dall’unire PM e PO in un’unica figura porti valore aggiunto sia nel definire la direzione, sia nel capire come arrivarci.

Non è però detto sia sempre la soluzione più efficace. È importante valutare quale sia la configurazione migliore analizzando il contesto aziendale in cui ci si trova. Elementi come lo stadio di maturità dell’azienda, l’ampiezza dello stack di prodotto di riferimento e la specializzazione degli stakeholder di business possono spingere verso l’una o l’altra configurazione.

Quali sono per te le Soft skill e le Hard skill più importanti per un Product Manager e per un Product Owner?

Il nostro è un lavoro fatto per il 70% dalla comunicazione. Empatia, ascolto, comprensione, semplficazione, capacità di influenzare sono le abilità che possono fare la differenza tra un discreto e un ottimo Product Manager/Product Owner.
A queste skills è importante si abbini un buon “business reasoning” e attitudine alle decisioni basate sui dati. Senza queste ultime, diventa difficile capire quale direzione dare al prodotto. 

La conoscenza dei framework di lavoro e di prioritizzazione non è meno importante, ma ritengo si possa imparare o perfezionare in tempi ragionevoli sul campo. 


Sara, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Sara Tortoli lavora come PM per l’Automation e AI da Zalando a Berlino.

Il Product Owner (PO) esiste soltanto in Scrum. By the book, team che operano in questa metodologia non hanno il Product Manager (PM), ma solo il Product Owner e viceversa.

Tuttavia il bello delle metodologie agile e che ognuno le adatta un po’ come vuole. 

In alcuni team, il PO viene ad identificarsi con il “Technical Product Manager”, fondamentalmente un Product Manager con una educazione/background in software engineering, mentre il PM è il “Business Product Manager” ossia il Product Manager con una educazione/background business oriented. Le due figure collaborano strettamente assieme, la differenza è che il PM è più focalizzato sui processi d’ideazione e definizione di una strategia, mentre il PO è più orientato alla definizione della soluzione e solitamente aiuta a tradurre la visione del PM in deliverable ed è l’owner del Backlog.

In termini di comunicazione inoltre, il PM si rivolge maggiormente agli users e agli stakeholders, mentre il PO si interfaccia per la maggior parte (ma non esclusivamente) con i developers.

Dovrebbe esserci la distinzione? Dipende dal team. Per come la vedo, qualsiasi cosa funzioni, indipendentemente dall’etichetta, è da applicare. Guarderei ai punti di forza del team e a come valorizzarli al meglio, piuttosto che “forzare” il team all’interno di una struttura/etichetta.

Quali sono per te le 3 competenze tecniche e le Soft Skill più importanti per un Product Manager?

Oltre quanto finora già elencato, che direi fondamentale, trovo che il Product Manager debba essere in generale abbastanza visionario da immaginare cose che non ci sono, e allo stesso tempo abbastanza concreto da saperle portare a realizzazione.

L’abilità di raccontare ed esprimere questa visione per voce e per iscritto è fondamentale, così come lo è la capacità di utilizzare gli strumenti necessari alla sua concretizzazione, dalla analisi dati, passando per nozione tecniche di sviluppo software,  fino alla psicologia e alla comunicazione.

Soft Skills:

  • Fantasia
  • Empatia
  • Comunicazione orale e scritta
  • Mental resilience a livello personale

Technical Skills:

  • Analisi Dati
  • Basic software architecture knowledge

Marco, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Marco Imperato è il fondatore di Product Heroes ed è responsabile prodotto presso Moving-up.

Penso esista una differenza di responsabilità tra i due diversi Job Title, ma che il ruolo debba essere svolto dalla stessa persona. 

Andando con ordine. 

Il product Manager (PM) deve avere la visione di business e di Mercato. Deve assumersi la responsabilità della roadmap e di dove andare, in base ai dati e al confronto continuo con stakeholder e utenti.

Il Product Owner (PO) è il ruolo specifico associato alla metodologia Scrum Agile ed esiste solo all’interno di quel sistema. Il PO rappresenta l’utente all’interno del team ed è coinvolto sulla parte di execution, come scrittura storie, negoziazione sulle priorità, dialogo con il team, aggiornamento board, sprint planning, etc.

Quindi per te esiste una differenza tra i ruoli del Product Manager e del Product Owner, ma andrebbero ricoperti dalla stessa persona. Come mai? 

Marco: Dal mio punto di vista è fondamentale che chi aiuta l’azienda a decidere dove andare (Il Product Manager), abbia anche la piena consapevolezza di come andarci e con chi (il Product Owner).

Ho provato varie combinazioni nell’organizzazione del team e ho visto che quando staccavo le due figure, il Product Owner si riduce ad essere Il project Manager delle decisioni prese da qualcun altro. D’altra parte il Product Manager si spostava verso la parte di Product Marketing allontanandosi sempre di più dal contatto con l’utente e con il team.

Quali sono per te le Soft skill e le Hard skill più importanti per un Product Manager e per un Product Owner?

Domanda davvero difficile per me. Ormai sono abituato ad avere i due ruoli ricoperti dalla stessa figura.

Ci provo.

Come Hard skill in generale dipende dal tipo di azienda e prodotto su cui lavorano. Potrei dire che una base di design, coding, analisi dati e business è importante in entrambi ruoli.
Lato PM credo che la parte business e mercato debba essere più sviluppata. Per come la vedo io, il Product Manager deve guidare la strategia di prodotto, quindi deve comprendere a pieno business modeling e alcune basi di Marketing. 

Come PM suggerisco anche di avere sempre delle basi di finanza. A questo proposito consiglio di seguire un corso che mi è stato molto utile: Finance for Non-Finance Professionals su Coursera

Come PO, se fai solo quello, le parti business e marketing possono essere meno sviluppate, mentre deve essere super solida una base di Project Management, organizzazione del lavoro in team e gestione dei tempi.

Le soft skill trasversali a entrambi devono sicuramente essere ottime capacità di comunicazione e negoziazione. È quello che un PM fa ogni giorno da quando entra in azienda. 

Curiosità e voglia di apprendere sono il secondo punto fondamentale. Il PM trova davanti a sé un curva di apprendimento infinita, sia per varietà che profondità di contenuti, per cui se non ha voglia di imparare continuamente non potrà mai svolgere questo lavoro.


Silvana, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Silvana De Santis ci spiega la differenza tra Product Manager e Product Owner
Silvana De Santis Lead PM B2B (Business to Business) presso TheFork a Parigi, Silvana lavora in ambito prodotto dal più di 10 anni ed è esperta di Intelligenza Artificiale.

Il Product Owner è un ruolo creato ad hoc da strutture che seguono un po’ troppo alla lettera la metodologia Scrum.

Nell’organizzazione Scrum il PO esiste eccome ed è un po’ il primo step per diventare PM (cosa sbagliatissima), si tratta di persone spesso Junior che hanno dei compiti e delle responsabilità più simili a quelle di un Project Manager.

Ma la vera domanda è: dovrebbe esistere?

Non ho una visione positiva dello scrum from the book con dei team organizzati attorno a un PO, spesso troppo junior e troppo orientato alla delivery. Nella mia esperienza, Scrum e l’esistenza di un PO limitano l’agilità, invece di sostenerla e impediscono:

  • la creazione di empowered teams
  • la comprensione da parte di tutto il team degli obiettivi business
  • la creazione di team responsabili della ricerca delle migliori soluzioni ai problemi (identificati dai PM)
  • la sensibilità a lavorare in funzione dell’impatto business, piuttosto che in funzione del numero di ticket/features rilasciate in un tempo definito.

Se ho capito bene, preferisci un PM che copra tutto lo spettro di responsabilità senza distinzione di ruoli tra PM e PO.

Quali sono per te le 3 competenze tecniche e le Soft Skill più importanti per un Product Manager?

All’interno del team, il ruolo principale del PM è quello di analizzare e comprendere i veri problemi dei clienti e decidere su quali bisognerà lavorare per massimizzare l’impatto sugli obiettivi finali.

La soluzione (e quindi il “cosa sviluppiamo allora?”) è più una responsabilità del team di sviluppo + designer che del PM.

Per quanto riguarda le competenze del PM, direi:

Empatia -> Essenziale per un PM. Senza empatia nei confronti dei clienti (esterni e interni) non riuscirai mai ad avere dell’impatto. È la soft skill che permette di smettere di dire al cliente di cosa ha bisogno e di concentrarsi sui suoi veri pain points.

Analisi -> La data e i feedback degli users focus sono utilissimi per supportare delle decisioni e verificare che si va nella giusta direzione. Bisogna però saperli interpretare e non avere un approccio parziale, andando alla ricerca di quello che si vuole dimostrare. Ancora più importante, alcuni PM considerano che l’analisi dei dati basti per essere user-centric, ma è sbagliatissimo secondo me: esci e vai a discutere con i tuoi clienti!

Strategic thinking -> Essendo responsabile dell’impatto, il PM deve costantemente avere in mente la visione globale dell’azienda per poter prendere delle decisioni e comunicarle correttamente agli stakeholder. 

Curiosità: un buon PM è quello che cerca costantemente nuovi modi per risolvere dei problemi, nuove strategie e nuovi processi.


Matteo, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Matteo Adami ci spiega la differenza tra Product Manager e Product Owner
Matteo Adami, Product Manager presso Jobrapido ricopre ruoli di digital product management dal 2014 il suo focus è il mercato B2C (Business to Consumer).

Credo che questa differenza esista molto più nella letteratura che nella pratica della vita quotidiana di un Product Manager, almeno in Italia. Personalmente non credo che qui da noi ci sia differenza nelle responsabilità che vengono richieste a questi 2 ruoli e nelle aspettative associate.

Sinceramente credo che per gestire correttamente responsabilità e aspettative verso questi due ruoli, se vogliamo considerarli come 2 figure “diverse”, sia necessario un livello di conoscenza del product management a livello executive/C-level (banalmente, avere come CPO una persona che ha iniziato la carriera da junior PM e poi ha fatto tutta la trafila) che semplicemente in Italia ancora non c’è.

Quali sono per te le Soft skill e le Hard skill più importanti per un Product Manager e per un Product Owner?

Per il PO come hard skill la gestione del team tecnico e di Agile, come soft skill la conoscenza del mondo del software development anche per chi non è uno sviluppatore.

Per PM come hard skills la capacità di tradurre la strategia in una implementazione pratica basata su dati e non opinioni, come soft skill la capacità di sapersi relazionare e capire i bisogni di tutti i dipartimenti dell’azienda.


Saba, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Gabriele Sabadini ci spiega la differenza tra Product Manager e Product Owner
Gabriele Sabadini (detto Saba) Senior PM presso Musement e lecturer presso Talent Garden Innovation School.  

Il Product Manager è un mestiere, il Product Owner un ruolo in un framework. Puoi essere bravo a seguire tutto quello che ti dice il libro su come essere il miglior Product Owner ma non conoscere né il tuo mercato né i tuoi utenti clienti.

Pensi sia importante distinguere i 2 ruoli? Perché?

Beh, le parole sono importanti.
Sono due ruoli diversi ma non è detto che la stessa persona non possa ricoprirli entrambi.
Inoltre, a livello di cultura professionale è bene distinguere tra un mestiere spostato sul delivery (tipo il PO nella metodologia Scrum) ed uno più bilanciato end-to-end (dal mercato agli utenti, indipendentemente dal framework).

Quali sono per te le Soft skill e le Hard skill più importanti per un Product Manager e per un Product Owner?

Fai la differenza in entrambi i ruoli con le doti di comunicazione e relazione: si tratta di coinvolgere le persone giuste al momento giusto.

Essendo un “solo” ruolo in realtà, è importante capire i meccanismi aziendali ed i processi che portano alle decisioni, facilitarli, favorire i momenti divergenti di approfondimento e convergenti di sintesi, assicurarsi che le decisioni siano condivise e fare leva sui team per attuarle in termini di soluzioni.

Sicuramente, skills come saper usare i numeri, leggere i dati e capire il mercato aiutano su tutti i fronti.

A livello digitale è imprescindibile capire le meccaniche di acquisizione e conversione (User Experience, architettura informativa, gestione dei sistemi distribuiti…) indipendentemente dal settore.


Ivan, pensi esista una differenza tra il ruolo di Product Manager e il ruolo di Product Owner?

Ivan Muccini ci spiega la differenza tra Product Manager e Product Owner
Ivan Muccini VP Product da Cloud4Wi a San Francisco, specializzato in product marketing e management di prodotti SaaS (Software as a Service) per il mercato enterprise. 

Si, decisamente. Al di là del fatto che il PO è un artefatto coniato dalla metodologia Scrum con mansioni e ruolo molto specifici, assumiamo di estrarne una definizione più generica indipendentemente dal framework di sviluppo adottato.

Penso che la necessità di distinguere i ruoli dipenda molto dallo stage di crescita dell’azienda.

Per una piccola startup che ha bisogno di agilità, è ovvio che non c’è margine di avere figure diverse.

Seguire il team nello sviluppo del prodotto, a prescindere dalla metodologia utilizzata, richiede molto lavoro interno, coordinazione ed in generale porta il PO a focalizzarsi molto nel dominio della “soluzione”, rischiando di perdere di vista la visione di insieme e un approccio strategico.

C’è bisogno tuttavia di qualcuno che guardi la strategia più dall’alto e a lungo termine, che si focalizzi più al mercato, nel dominio del “problema” e della strategia.

Ci sono delle situazioni in cui una stessa persona non può, umanamente, fare entrambe le cose ed in quel caso nasce la distinzione tra le due figure. Una, il PO, più inbound e responsabile anche della soluzione, l’altra, il PM, più outbound, strategico e focalizzato al dominio del problema.

Quali sono le competenze tecniche e le soft skill più importanti per un PM e quelle più importanti per un PO?

In generale penso che per i Product Manager i soft skill contino almeno per il 70% dello skillset, e sono molto orizzontali su tutti i domini.

Product Manager – Top 3 soft skill

  • comunicazione (interna, esterna, interviste, gestione stakeholder, etc..)
  • senso strategico (padronanza del business model, dei goal di business e delle strategie per raggiungerli)
  • esperienza di dominio (conoscenza del mercato e del problema specifico).

 Product Manager – Top 3 hard skill

  • padronanza nel lavorare con dati
  • multi-funzionale, con un buon mix di tattiche nell’ambito tech, design e business
  • comprensione delle dinamiche di economia e di mercato.

Product Owner – Top 3 soft skill

  • mindset orientato ai risultati
  • empatia
  • comunicazione

Product Owner – Top 3 hard skill

  • padronanza dei dati
  • padronanza dei tool e dei processi organizzativi
  • padronanza di tecniche di sperimentazione e prioritizzazione

Conclusione

Ringrazio i partecipanti per avere fornito dei punti di vista molto ricchi e personali. Questo articolo mi è servito a capire che ciò che fa la differenza in un team di prodotto digital è la capacità di comprendere il contesto in cui ci si muove e la capacità di adattare metodi e discipline studiate sui libri o apprese in altri contesti. I ruoli in fondo sono solo etichette che restano vuote se non sono accompagnate dall’esperienza e la capacità di adattamento continua.

Se vuoi raccontarci il tuo punto di vista o se hai domande di chiarimento per Gianluca, Marco, Silvana, Matteo, Gabriele e Ivan scrivi pure nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *