Product Manager VS Project Manager: cosa li differenzia?

Product Manager VS Project Manager: cosa li differenzia?

- di
Product Manager VS Project Manager: cosa li differenzia?

Il Product Manager e il Project Manager sono due figure fondamentali all’interno di un’azienda, ma hanno la capacità di suscitare una certa ambiguità per il ruolo e le responsabilità che ricoprono. 

Sono due professioni che tendono a sovrapporsi man mano che si scende nel tattico e se non si ha una chiara consapevolezza di cosa fa uno e cosa fa l’altro si rischia seriamente di intaccare una leva sacra: la collaborazione.

Ecco ciò che troverai nell’articolo: 

Però, prima di entrare nel dettaglio, mettiamo subito in chiaro la principale differenza tra i due ruoli: 

  • Il Product Manager è il principale responsabile del prodotto e di tutti i processi a lui collegati;
  • Il Project Manager si occupa di gestire un progetto dall’inizio alla fine.

Ti dico questo, perché è pensiero comune, tra le persone che lavorano nel prodotto, essersi chiesti almeno una volta:

“Ma in questa azienda sto facendo il Product Manager o il Project Manager?“ 

Quando ho iniziato a cimentarmi nel ruolo di Product Manager, nell’azienda per cui lavoravo, non “esisteva” ancora una figura con il ruolo di Project Manager. 

Per necessità, quindi, mi sono ritrovato a ricoprire anche quel ruolo e, proprio perché ci ho provato, ho capito che erano due professioni profondamente diverse in termini di responsabilità.

Ad oggi, riflettendoci bene, posso dire che ci sono delle zone di grigio tra le due figure e sicuramente alcune skills sono necessarie sia da una parte che dall’altra.

Prodotto o Progetto: differenze e somiglianze

Chiaramente, per poter capire la diversità tra i due ruoli, bisogna prima comprendere le differenze tra prodotto e progetto.

 Un progetto tipicamente ha: 

  • Uno scope e un budget ben definito;
  • Delle persone assegnate al progetto (brutalmente definite risorse); 
  • Una data di inizio;
  • Una data di fine.

Un prodotto, invece, ha:

  • Lo “scope” viene rimpiazzato dal “Goal” e dal “Problema che si vuole risolvere”;
  • Un team cross-funzionale che lavora per portarlo al successo;
  • Non ha una data di inizio o una data di fine, l’unica cosa che lo caratterizza nella dimensione del tempo è il suo “grado di maturità”.

Dai punti sopra elencati, risulta già più semplice capire quello che puoi aspettarti da un ruolo piuttosto che dall’altro.

Cosa fa il Product Manager?

Noi di Product Heroes abbiamo già avuto modo di approfondire la figura del Product Manager in un articolo esplicativo su chi è e che cosa fa; in generale:

  • È il principale responsabile del prodotto;
  • Studia il mercato;
  • Coordina il proprio team;
  • Definisce le caratteristiche e i confini del prodotto al fine di garantirne il successo.

La sua principale responsabilità è quella di scoprire i problemi degli utenti così da poter creare un prodotto che risponda ai loro bisogni.

Nello specifico: 

Cosa fa il Project Manager

Anche il Project Manager presenta delle peculiarità tipiche del suo ruolo:

  • È il responsabile del progetto;
  • Redige il Project Plan (documento formale per guidare l’esecuzione e il controllo del progetto)
  • Pianifica, supervisiona e gestisce la corretta esecuzione di quest’ultimo;
  • Definisce il “Critical Path” (algoritmo che gli permette di pianificare una serie di attività di progetto);
  • Si cura di rispettare le specifiche richieste e scadenze.

Se il Critical Path definito, rischia di andare incontro a dei ritardi, il Project Manager ha la facoltà di decidere cosa può essere rimandato e a cosa, invece, dare la priorità, tenendo sempre in considerazione il budget e le risorse che ha a disposizione.

product manager vs project manager_ Product Heroes

Ad ogni modo, noi di Product Heroes abbiamo a cuore le tue domande, le tue perplessità e le tue curiosità!

Per questo motivo, abbiamo realizzato un breve video per rendere ancor più chiaro e semplice cosa differenzia i due ruoli. Goditelo! 😊

L’ambiguità tra i due ruoli

Per esperienza, posso dire che è proprio la mancata consapevolezza di cosa fa un Product Manager la fonte primaria di ambiguità. 

In altri casi, è la scarsa coordinazione tra chi si occupa del prodotto e chi, invece, del progetto all’interno di un’azienda.

Per capirci, faccio un esempio pratico:
supponiamo di lavorare per la EA Sports in qualità di Product Manager (che figata!).

Il nostro prodotto è un gioco che ha una delle community più appassionate del mondo: FIFA.

Eh già, avete capito bene, con 12 mesi di anticipo siete già sul pezzo con il team di prodotto e state lavorando alla realizzazione di FIFA 21.

Parliamoci chiaro, non potete essere voi la causa della delusione di milioni di appassionati e sapete benissimo che:

  • Non potete bucare la data di lancio.
  • Dovete aggiungere valore per i vostri “utenti”.

Avete già fatto ottime scoperte con il team e sapete quali sono le iniziative giuste. 

Ora, supponiamo che a seguito di complicati sviluppi si debbano prendere delle (difficili) decisioni: 

  1. Quale requisito rilascio?” 
  2. Qual è la prima cosa da fare e cosa può arrivare dopo?

È del tutto naturale che in uno scenario del genere il Product Manager passi dallo strategico al tattico. È lui che dovrà scegliere la mossa da fare, per massimizzare il valore per l’utente. 

Questo esempio dimostra come un PM possa e debba mettere in pratica delle skills di project management.

Quindi se in azienda ci sono dei Project Manager è bene comunicare e coordinarsi molto con loro.

Gestire l’ambiguità

La Product Roadmap, che posa le sue fondamenta su goal e misurazioni chiare, può essere usata come strumento per allineare tutti gli stakeholder interessati, Project Manager inclusi.

Può essere d’aiuto perché possiamo decidere di guidare la prima release con certe funzionalità (perché in linea con il goal prestabiliti) e decidere di spostare il resto alla successiva.

L’errore più comune quando si definisce una Product Roadmap

Non me ne vergogno, l’ho fatto ed ho imparato.

Chiamavo Product Roadmap un artefatto formato da una lista di (troppe) feature spalmate su un asse temporale con granularità settimanale.

Spendevo ore nel suo mantenimento e giornate nella pianificazione del futuro. 

L’azione più comune?

Aggiungevo cose che non servivano, dicendomi: “Eh queste sono le cose giuste da fare ora…

Il resto? 

Non spariva mai. 

Alla fine tutto andava a comporre una wishlist infinita, leggibile secondo una dimensione temporale prestabilita.

Avevo chiaro dove volevamo arrivare o perché lo stavamo facendo? 

No, in realtà no.

Mi perdevo nei dettagli delle mille funzionalità e non avevo più una bussola.

 C’è bisogno di un Product Manager o di un Project Manager?

Come detto, questi sono due ruoli assolutamente specifici ma è facile assistere a sovrapposizioni di uno o dell’altro anche a seconda dell’organizzazione o dell’azienda in cui ci si trova.

Per fare la scelta giusta, bisogna tenere in considerazione che: 

  • Se in azienda ancora non avete una Visione di Prodotto e una Product Roadmap, è giusto puntare su un Product Manager ;
  • Se avete bisogno di rinforzare la vostra pianificazione e siete carenti sull’esecuzione puntate su un Project Manager.

Quindi se non sai di chi hai bisogno, dovresti dare un’occhiata all’articolo che abbiamo scritto sul Product Manager, Project Manager e Product Owner.

In ogni caso, una cosa è certa: se lavorate nel prodotto ed entrate nel tattico spenderete sempre una parte delle vostre energie nella collaborazione con il Project Manager!

Se l’articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere aggiornato sui prossimi contenuti, iscriviti alla nostra Newsletter 📩

Raffaele Scozzafava

Sono un Product Manager e ho avuto la fortuna di scoprire cosa amavo fare circa 10 anni fa in una Startup (Jobrapido). Sono appassionato di digital marketing e tecnologia. Ho diverse passioni tra cui il calcio, algoritmi e perchè no: provare a risolvere il cubo di Rubik in un buon tempo!

Diventa cintura nera di prodotto

Una mail ogni Martedì e Venerdì alle 7.00 a.m., per ricevere in anteprima i migliori contenuti sul Product Management.

LogoPH_trasparenteTavola disegno 2

Le slide sono disponibili per studenti ed ex studenti del Master in Product Management

Accedi a "Agile Starter Kit" Gratis

Iscriviti alla newsletter e accedi ad Agile Starter Kit: la cartella che contiene oltre 70 pagine su Agile, Scrum / Kanban, Organizzazione Team, User Story, Backlog, e tutto ciò che ti serve per partire.

Scarica il post sulle alternative a Scrum

Iscriviti alla newsletter e scarica gratuitamente il post "Agile Scrum: Alternative più flessibili e agili"