Product Leader & consulente “alla guida” di più prodotti: 5 consigli

Product Leader & consulente “alla guida” di più prodotti: 5 consigli

Author:
Product Leader & consulente “alla guida” di più prodotti: 5 consigli

Sei un “consulente”, “non possiedi un prodotto”, dicono, “vieni pagato dalle aziende per dare forma ai loro prodotti e servizi, ti fai pagare la tua tariffa oraria, chiudi il laptop alle 18 e hai finito”, dicono. Ma è davvero così? Se ti sei mai chiesto come diventare un Product Leader e “guidare” un prodotto che non è tuo, sei nel posto giusto.

I Product Leader di successo sono, prima di tutto, grandi coach e grandi ambasciatori. La loro spinta e passione per creare valore e trasformare i problemi in soluzioni ha un’origine più profonda e conta molto di più del loro stipendio. Il che ci pone davanti ad alcune domande interessanti: come si fa, da Product Consultant, a guidare un prodotto che non è tuo? Come si fa a modellare, lanciare e far evolvere una proposta di valore che non è di fatto un tuo “problema”? Come si fa a esercitare una leadership laterale estrema senza avere voce in capitolo sulle priorità del backlog, sulla roadmap di prodotto o sulla strategia?

Belle domande, direte. Ecco perché voglio condividere con voi alcuni consigli su come essere un buon Consulente e un Product Leader rispettato e di successo nel suggerire la direzione migliore e nel creare un’atmosfera di fiducia con il proprio team, mentre vi divertite e create valore per gli utenti.

Product Leader & consultant “alla guida” di più prodotti: 5 consigli

  1. Sii gentile, fai domande e resisti all’instinto del “devo risolvere assolutamente il problema”
  2. Immagina il peggio e inizia da lì!
  3. Trova i dati
  4. I task più facili da completare sono probabilmente inutili AKA puntare a una vittoria strategica a medio termine
  5. Permetti alla “tua platea” di essere promotrice stessa del prodotto

Consiglio #1
Sii gentile, fai domande e resisti all’istinto del “devo risolvere assolutamente il problema”

Quando venite assunti in una nuova azienda per dare forma a un prodotto con un team già esistente – e che non potrete creare e “allenare” fin dall’inizio -, evitate innanzitutto l’approccio ‘aggiusta tutto’. Iniziate piuttosto a fare tante domande, ad ascoltare e a cercare di individuare le sfide e le opportunità principali.

Vedetelo come il vostro mini problem-framing per conoscere il vostro cliente. Fate workshop, mappate i user journeys, sedetevi e bevete litri di caffè con esperti del settore e persone con cui dovrete lavorare e confrontarvi nell’immediato futuro. Approfondite i loro errori, le leve e gli obiettivi. Fatelo anche prima di iniziare a guardare al prodotto effettivo o alla proposta di valore per cui siete stati assunti, con l’obiettivo di costruire, sistemare o accelerare. È importante non sottovalutare l’ecosistema in cui vi verrà chiesto di lavorare perché sarà questo a determinare molte decisioni future prese da voi e dal vostro team.

Consiglio #2
Immagina il peggio e inizia da lì

Dimenticate tutto ciò di cui parlate con i vostri team e colleghi di prodotto, quando discutete di Agile, di team cross-funzionali, di prodotti consolidati, di Scrum, di iterazione, di best practice nel condurre user research o nel validare ipotesi. Dimenticate tutto e ricominciate da zero.

La maggior parte dei clienti e delle aziende per cui lavorerete come Consulente di Prodotto non hanno idea di quello che state dicendo. Non sapranno cosa voi e i vostri team rappresentate (se siete fortunati ad averne portato uno trasversale e funzionale). Nel migliore dei casi vi vedranno come “program manager” e vi daranno compiti operativi/tattici.

Metteranno in discussione il vostro valore e anche il vostro arrivo nel team. Vi chiederanno di costruire cose per voi e vi sfideranno su dati, ricerca, convalida e approccio al problema. Probabilmente non gli piacerete per niente. Ed è proprio allora che saprete che state facendo un ottimo lavoro! Sconvolgere e sfidare lo status quo è il vostro pane quotidiano come product leader, quindi buttatevi a capofitto!

Iniziate dalle base, con concetti semplici, portate con voi tonnellate di esempi dalle vostre esperienze di prodotto passate, storie di successo importanti che possano fare la differenza. Intrufolatevi nei loro modi di lavorare esistenti, una riunione alla volta, una mail alla volta. Non aspettatevi di entrare a gamba tesa con la vostra predica Agile perché probabilmente non funzionerà: hanno bisogno di risultati tangibili e hanno bisogno di fidarsi della vostra leadership. Questo richiederà tempo e sforzo.

Consiglio #3
Trova i dati (come un vero Product Leader)!

Un Product Leader deve trovare, raccogliere, analizzare e rivedere tutti i dati rilevanti che potrebbero essere utili alla valutazione del prodotto.
Un Product Leader deve trovare, raccogliere, analizzare e rivedere tutti i dati rilevanti che potrebbero essere utili alla valutazione del prodotto.

Una volta ottenuta la fiducia del cliente e con il team dalla vostra parte, è il momento di iniziare ad affrontare il prodotto. Come si fa? Da dove si comincia quando non si ha una mappa o una bussola? Facile (pensavamo…): i numeri!

In realtà, uno degli aspetti più complessi è proprio la mancanza di informazioni di base, di dialogo con i vari dipartimenti e l’accesso vero e proprio a fonti di informazioni che potrebbero essere cruciali per un sano benchmarking del prodotto che state per affrontare. Nella maggior parte dei casi, ci sono sempre dati da qualche parte, ricerche fatte da qualcuno, business case o market-size gestiti da qualche dipartimento: solo che VOI non avete idea di dove si trovino queste informazioni e chi le possiede.

Beh, non disperate, è per questo che vi hanno assunto! Se avessero già capito tutto, probabilmente non avrebbero avuto bisogno di un product strategist per cominciare. Quindi, smettete di lamentarvi e iniziate a scavare. Prima di toccare la vostra prima riga di codice o di iniziare la prima intervista con l’utente, DOVETE trovare, raccogliere, analizzare e rivedere tutti i dati rilevanti, le informazioni, le ricerche o le risorse che potrebbero essere utili alla valutazione del prodotto.

Una volta trovati, non avete ancora finito. Adesso è il momento di “digerire” il tutto e presentarlo in un modo che possa essere utile per partire (non la chiamerei ancora strategia, ma avere almeno un potenziale obiettivo iniziale dal quale partire per acquisire informazioni, ricercare e segmentare).

Consiglio #4
I task più facili da completare sono probabilmente inutili AKA puntare a una vittoria strategica a medio termine

Sono quasi certa di aver ottenuto la vostra attenzione con un’affermazione così estrema. Certamente, non tutte le vittorie facili sono sbagliate. Certamente dovremmo cogliere l’opportunità di intervenire spesso e velocemente. Ma è questo l’unico scopo di un approccio iterativo? Assolutamente NO.

Dobbiamo imparare a lavorare su più livelli e stabilire una roadmap snella e focalizzata non solo su vittorie “facili” ma anche su obiettivi più strategici a medio termine, molto diversi dalle pietre miliari pluriennali a cui il nostro cliente è abituato, ma più tangibili e più strategicamente attraenti di un banner posizionato in modo diverso su una landing page, che avrà impatto su una sola metrica.

Trovare un giusto equilibrio tra questi due fattori sarà un aspetto chiave del tuo ruolo di Product Consultant, al fine di guadagnare l’approvazione degli stakeholder e dimostrare il tuo valore durante il progetto.

Consiglio #5
Permetti alla “tua platea” di essere promotrice stessa del prodotto

Da vero Product Leader, permetti alla "tua platea" di essere promotrice stessa del prodotto
Da vero Product Leader, permetti alla “tua platea” di essere promotrice stessa del prodotto

Una volta che il vostro lavoro sarà finito e la consegna del prodotto è completata, passerete (si spera!) alla vostra prossima avventura, lasciando il cliente al suo (triste) destino.

Ho guidato clienti e team di prodotto per aziende dove ho finito per sentirmi “come a casa”, come un dipendente e come un Product Leader rispettato all’interno di un gruppo omogeneo, senza più alcuna differenza tra datore di lavoro e risorsa assunta. Ed è qui che avviene la magia. Quindi, assicuratevi, prima di partire, di far scattare la scintilla con i vostri principali stakeholder di prodotto lato cliente per trasmettere la mentalità di prodotto a tutta l’azienda; in questo modo avrete più ambasciatori e motivatori prima che ve ne andiate.

Questo non è solo un grande regalo per i vostri colleghi diretti, ma anche per il prodotto che avete contribuito a plasmare e guidare. I prodotti traggono benefici da aziende che sono trasversalmente aperte, amiche del rischio e consapevoli dell’enorme potenziale della mentalità dirompente e dello scambio aperto di opinioni. Avete bisogno di un modo veloce per farlo? Iniziate a mostrare il vostro prodotto ad un pubblico molto più ampio del vostro team o degli stakeholder più stretti.

Fai in modo che l’azienda sia entusiasta delle varie possibilità e assicurati di strutturare un solido ciclo di feedback in cui tutti i dipartimenti possano potenzialmente condividere la loro opinione sul prodotto ed essere ascoltati. Più lavoro per il team? Certo. Ma questo garantirà un beneficio a lungo termine e forse più “squad” che considereranno l’approccio al prodotto come via efficace di fare business.

Buon divertimento!

Puoi trovare il mio articolo originale in lingua Inglese a questo link.

Se hai letto fin qui e ti interessano articoli di questo tipo ti consiglio di iscriverti alla nostra Newsletter.
Li riceverai direttamente nel tuo inbox insieme a tante altre sorprese 😉

Lucia Collarà

Faccio prodotto dal 2009, e imparo ogni giorno. Oggi sono a capo di Prodotto e Growth in AKQA (prendendomi cura dei dipartimenti di Product Design, Tech e Product Management) dopo un'ottima scuola nell'E-com di Philips, con l'experience center di adidas e insieme al colosso fintech PayPal. Mi diverto, insieme al mio team, a scovare problemi e trasformarli in opportunità. Credo nella validazione prima dello sviluppo, nell'iterazione, nel dato come strumento, nel fallimento e nell'apprendimento che ne consegue. Ho guidato i miei dipartimenti di Philips e adidas all'implementazione di OKRs di successo e da qualche anno ormai faccio formazione di prodotto, Agile e OKR per diverse realtà nell'ambito dell' innovazione e della trasformazione digitale in Italia.

Diventa cintura nera di prodotto

Una mail ogni Martedì alle 7.00 a.m., per ricevere in anteprima i migliori contenuti sul Product Management.

LogoPH_trasparenteTavola disegno 2

Le slide sono disponibili per studenti ed ex studenti del Master in Product Management

Accedi a "Agile Starter Kit" Gratis

Iscriviti alla newsletter e accedi ad Agile Starter Kit: la cartella che contiene oltre 70 pagine su Agile, Scrum / Kanban, Organizzazione Team, User Story, Backlog, e tutto ciò che ti serve per partire.

Scarica il post sulle alternative a Scrum

Iscriviti alla newsletter e scarica gratuitamente il post "Agile Scrum: Alternative più flessibili e agili"