Metriche di Prodotto: come definirle e che modello usare.

Dopo aver capito cosa sono le metriche di prodotto e perché è fondamentale utilizzarle. In questo post capirai come definirle e che modello utilizzare, ovvero il modello AAARRR, detto anche il funnel dei pirati

Questo è il secondo di una serie di post che ti aiuteranno a comprendere l’importanza delle metriche di prodotto oltre a darti una serie di esempi pratici su come impostarle correttamente e come trarre il massimo dal loro utilizzo.

Qui di seguito trovi l’indice dei post. Se è la prima volta che senti parlare di metriche o se ti senti di non averle ancora comprese  al meglio ti consiglio di iniziare dal primo e poi di proseguire, altrimenti salta pure al contenuto che ti interessa maggiormente.

        1. Cosa sono le metriche e perché utilizzarle
        2. Come definire le metriche e che modello usare
        3. Cosa misurare e che valori attribuire
        4. Come prendere decisioni di prodotto (sbagliate!) in base ai dati
        5. Cosa è l’analisi delle coorti e come ti può aiutare
        6. Come usare l’analisi delle coorti per prendere decisioni di prodotto

Come impostare le metriche per il tuo prodotto?

Come ci siamo detti le metriche servono a misurare come sta andando il tuo prodotto, e quindi il tuo business. Se l’obiettivo del tuo prodotto non è avere impatto sul business, non è un prodotto.

Solitamente l’obiettivo ultimo di un prodotto è quello di generare un impatto economico che sia una transazione, un abbonamento, la creazione di un item che poi può essere acquistato/prenotato da qualcun altro (nel caso di un marketplace), etc.

Adesso, immagina di tracciare una linea dal punto A, un punto in cui l’utente non sa nemmeno che esiste il tuo prodotto, a un punto B, un punto in cui l’utente paga per usare il tuo prodotto.

Per arrivare da A a B l’utente deve fare un percorso, compiendo diverse azioni. Per esempio: per prima cosa deve sapere che il tuo prodotto esiste, poi deve raccogliere informazioni e conoscerlo, poi deve registrarsi (di solito…parliamo di un pdt digitale), poi deve provarlo/usarlo, poi non è convinto ed esce, ma dopo qualche tempo ritorna, poi alla fine si decide e compie una transazione.

Immagina di riuscire a sapere quando l’utente si ferma o quando decide di andare avanti, in ognuno di questi step. Non sarebbe molto più semplice prendere decisioni di prodotto? Quanto sarebbe più immediato leggere i dati e capire immediatamente cosa c’è che non va e capire dove l’utente si blocca e dove invece va avanti?

Chiarito il perchè è decisivo impostare delle metriche che abbiano senso, adesso dobbiamo scegliere il modello di riferimento che usiamo per la misurazione, e poi esattamente cosa vogliamo misurare e come vogliamo misurarlo.

Il Modello di riferimento

Possiamo prendere come riferimento dei framework già esistenti. Io personalmente inizio spesso con il modello AAARRR. Dipende dalla fase di maturità del pdt quante A e quante R usare (Tranquillo, capirai tra poco cosa intendo).

Mi riferisco al modello di Dave McClure in cui vengono identificati 6 step fondamentali nel ciclo di vita dell’utente:

Awareness: l’utente sa che il tuo prodotto esiste

Acquisition: oltre a sapere che esiste, adesso l’utente è interessato

Activation: l’utente interessato ha la prima esperienza gratificante.

Retention: l’utente ritorna

Revenue: l’utente paga per usare il tuo prodotto

Referral: l’utente è talmente soddisfatto che lo dice anche ad altri.

Di solito in prodotti poco maturi in cui ci interessa validare più la parte di prodotto e meno quella di marketing tiro fuori la prima A (anche perchè il primo conversion rate di solito è impietoso e schiaccia tutti quelli successivi verso il basso). In alcuni casi, per semplificare, tiro fuori anche l’ultima R perchè spesso più complessa da misurare nelle fasi iniziali.

Nota: ci sono tante altre metriche, come CLTV, CAC, Churn rate, Retention Rate, NPS, etc. che saranno molto importanti per il tuo prodotto in una fase più avanzata. Per adesso parti dalle basi e focalizzati su quello che ti serve davvero oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *