Come scrivere il CV e prepararsi al colloquio da PM

Come scrivere il CV e prepararsi al colloquio da Product Manager?

Lo abbiamo chiesto a un ospite d’eccezione, Diego Granados, Coach e Senior PM @PayPal, nell’episodio del podcast di Product Heroes dal titolo Come essere assunti come Product Manager.

Partendo dalla sua esperienza lavorativa e da quella di coach, Diego ha condiviso con noi e con la community:

  • Gli elementi che rendono un curriculum vincente;
  • Gli aspetti su cui puntare in vista di un colloquio;
  • I riti e i temi ricorrenti su cui è bene prepararsi;
  • Consigli utili per chi vuole entrare nel mondo del Product Management per la prima volta;
  • Consigli per chi vuole fare un salto di carriera.

Diego Granados scopre il product management quando si trova negli Stati Uniti per studiare. Inizia a lavorare come Product Manager presso Microsoft e poi LinkedIn e, nel frattempo, supporta Product Manager (aspiranti e non) producendo corsi e contenuti online. Oggi è Senior Product Manager a PayPal e attraverso il suo canale, pmdiego.com, raggiunge oltre 100.000 follower su LinkedIn, 25.000 abbonati su YouTube e 13.000 follower su Twitter.

Cosa scopriremo in questo articolo:

  1. Il problema comune di chi vuole diventare Product Manager
  2. Un consiglio per un aspirante product manager: concentrarsi sulla propria storia
  3. Come lo storytelling può aiutare a trovare lavoro
  4. CV: cosa non può mancare?
  5. Colloquio da PM: come prepararsi?
  6. Un consiglio per chi deve fare un assessment per ottenere una posizione di Product Manager

Come scrivere il CV e prepararsi al colloquio da PM

Il problema comune di chi vuole diventare Product Manager

Considerando il percorso di Diego come carreer coach, non potevamo non chiedergli qual è il problema comune di chi vuole diventare Product Manager. È sempre lo stesso, valido per tutti coloro che vogliono intraprendere questo percorso, oppure no?

“Ognuno ha una storia diversa. Ma credo che, a prescindere dal background, tutti si trovino in una fase diversa della propria transizione verso il Product Management. Tutto ciò di cui hanno bisogno, dal punto di vista del coaching, è solo una spinta, un aiuto in più a fare quel piccolo lavoro, modificare il loro curriculum, modificare il loro LinkedIn, e iniziare a fare colloqui.

Altri sono in una fase iniziale in cui pensano: “Sto imparando a gestire i prodotti e lavoro in un’azienda XYZ e non ho idea di come arrivarci”. Quindi, il tipo di lavoro che svolgo con loro deve essere più ampio, più robusto, serve a definire le aspettative, stabilire le tempistiche. Credo che il fattore comune sia che tutti pensano che entrare nella gestione dei prodotti sia qualcosa che possono fare nel fine settimana. Una cosa del tipo boom, fatto!” e troverò un lavoro, giusto? Questo è molto importante. E come ho detto, non importa il vostro background o le vostre esperienze, ciò che conta è a che punto siete nel percorso di transizione verso il Product Management. È così che divido i diversi aspiranti PM. Ed è questo che rende difficile parlare di un modello unico per entrare nel mondo dei PM. Il percorso di ognuno è diverso e ha fasi diverse”.

Un consiglio per un aspirante product manager: concentrarsi sulla propria storia

Siamo d’accordo con Diego. Anche noi di PH pensiamo che sia questo l’elemento che la maggior parte delle persone non riesce a cogliere nel diventare un PM. Non basta soltanto possedere le competenze per avere un lavoro in Prodotto. Ci vogliono mesi, costanza, pazienza, non basta fare “1 + 1”. Quindi, quale potrebbe essere il consiglio per un aspirante Product Manager che possiede le competenze ma che non ha idea di come affrontare la sfida successiva, ovvero ottenere un vero lavoro da PM?

“Ciò che la maggior parte delle persone non capisce è che il product management non è un lavoro uguale per tutte le aziende. Quindi, il fatto di lavorare in modo inter-funzionale, di aver lanciato progetti, di aver affrontato l’ambiguità e tutte le soft skills che possiamo citare in merito al product management, non fa di voi un product manager. In molti casi, ad esempio, conosco farmacisti che sono diventati product manager e la gente si chiede: “Wow, ma come hai fatto?”. Ed è qui che l'”1 + 1″ ha senso, perché è come se fossero stati farmacisti e poi avessero deciso di entrare in una startup di tecnologia sanitaria.

E hanno portato la loro esperienza di farmacisti. In una startup, hanno fatto un po’ di tutto fino a quando non hanno plasmato la loro carriera per diventare product manager. E una volta acquisite queste competenze, sono entrati in un’altra azienda, magari più grande, ma sempre nel settore delle tecnologie sanitarie. Così ha senso. Non sono passati dal fare il farmacista all’essere i product manager di Google Cloud. Hanno tracciato un percorso su qualcosa che li avrebbe aiutati a raccontare la loro storia, che è incredibilmente importante.

Quindi, per me, il passo successivo più importante per ogni aspirante PM o PM attuale che voglia fare una transizione è concentrarsi sulla propria storia. Come? Mi dico: ho tutta questa esperienza e mi assicuro che le mie competenze siano trasferibili. Ma come si concilia con il ruolo successivo che voglio ricoprire? A volte per arrivare al lavoro dei sogni ci vogliono due o tre salti, ma bisogna pensare a quale sia il passo immediatamente successivo che si inserisce nella propria storia”.

Come lo storytelling può aiutare a trovare lavoro

Se sto per candidarmi per un lavoro per cui possiedo già delle competenze specifiche, perché ho bisogno di una storia, di una strategia? Dal punto di vista di un HR, come può collegarsi una buona storia e un buon storytelling personale al modo in cui il selezionatore valuterà l’aspirante PM?

“Partirò da un esempio personale che riguarda la mia transizione da Microsoft a LinkedIn. Microsoft e Cisco per me erano aziende in cui svolgevo il tipico lavoro da PM con le vendite, con il proof of concept, lavoravo per mesi con un solo cliente e per poi presentare, a conti fatti, la tipica azienda B2B. LinkedIn invece era un’azienda consumer. E ho fatto questo salto proprio grazie alla mia storia. Il modo in cui ho raccontato la mia carriera durante il colloquio è stato: “Ascoltate, ho tutte le competenze di gestione del prodotto. Se mi chiedete di andare a fare l’esecuzione, posso farlo. Se mi chiedete di convincere gli stakeholder, posso farlo. A occhi chiusi, volendo. Non c’è alcun problema. Mi rendo conto di non avere la capacità di trovare ciò che serve nella gestione dei prodotti, ma so qual è il problema per gli utenti di LinkedIn. E so come risolverlo perché ho aiutato le persone a trovare lavoro su LinkedIn. E la posizione che state cercando, il lavoro a cui mi sto candidando, è proprio questo: aiutare le persone a trovare lavoro in modo migliore/più veloce”.

Quindi, essendo in grado di raccontare questa storia, ovviamente, in modo piacevole, in due o tre minuti a chi di dovere, sono riuscito a convincerli. È questo ciò che vogliono sapere i responsabili delle assunzioni e gli addetti ai prodotti delle aziende”.

Quindi, con una storia avvincente, puoi aiutarli a capire che tu sei la scelta giusta.

“Sì, e ti dico un’altra cosa. Quando gli aspiranti PM ai colloqui dicono: “Ascolta, ho tutta l’energia del mondo e voglio dimostrarti che sono super capace, dammi l’opportunità e posso farcela”, non hanno una storia convincente come potrebbe essere per esempio: “Ascolta, non ho il titolo di product manager. Ma ecco tutte le cose che ho fatto a scuola, al lavoro, a casa, o altro”. In questo modo possono dimostrare che sono in grado di fare tutto ciò che riguarda la gestione dei prodotti. Ma se non hanno questa storia, il selezionatore dirà: “Beh, è fantastico che tu abbia l’energia, ma vogliamo qualcuno con l’energia e con almeno le competenze per assicurarci che possa svolgere il lavoro”.

CV: cosa non può mancare?

Parlando del curriculum, qual è la cosa migliore e la cosa peggiore che un selezionatore può leggere?

 “Ho notato che abbiamo molte idee sbagliate su come funziona il processo di reclutamento. Pensiamo che quando ci candidiamo sia l’ATS che accetta o respinge la nostra candidatura. Un robot, un’intelligenza artificiale o qualcosa del genere. Poi pensiamo che se il curriculum viene visto da un reclutatore, lo vedrà in sei secondi, fine. E tutto è deciso in quel momento. È così che la maggior parte di noi immagina il processo. In realtà è che l’ATS aiuta i selezionatori.

Io faccio colloqui con persone che ho intervistato in Microsoft, quando ero in LinkedIn e ora in PayPal. L’ATS aiuta a disporre delle informazioni del candidato, del suo curriculum, del suo profilo, di tutti i punti salienti che interessano a chi deve fare la selezione. Quindi, a causa dell’idea errata che si tratti di IA e di un robot che ti respinge, l’errore più grande che vedo fare alle persone è scrivere: “Per la gestione dei prodotti so lavorare in modo interfunzionale, autonomo, e sono capace di gestire i compiti più complessi”. E poi inseriscono queste parole chiave nel curriculum, in una sezione di competenze che si trova in alto. Ed ecco il problema. Se sono un selezionatore o un responsabile delle assunzioni e leggo che Marco ha inserito la keyword “leadership”, devo presumere che Marco sia un buon leader, no? Ma se non ho un contesto per la parola leadership, come faccio? Questo è uno degli errori più grandi: le persone si concentrano molto di più sullo scrivere le parole chiave per passare l’ATS, invece di concentrarsi su come scrivere nel modo migliore un risultato che hanno ottenuto. Come posso scrivere un risultato che evidenzi o metta l’accento sul fatto che posso essere un buon leader e posso influenzare senza essere autoritario?

È questo che interessa ai selezionatori e ai responsabili delle assunzioni. Non gli interessa la parola chiave. A loro interessa che dimostriate di essere in grado di farlo. Non scrivete le competenze solo come un elenco di parole chiave. Scrivete sì la parola chiave ma anche la sua realizzazione. La realizzazione è semplicemente un modo per dire: ecco cosa ho fatto, ecco come l’ho fatto. E questo è l’impatto che ho avuto. A volte l’impatto può essere numerico, altre volte può essere semplice come aiutare il team di ingegneri a ridurre il tempo per fare bla, bla, bla, e così via. È quello che ho fatto, come l’ho fatto e qual è stato l’impatto di quella cosa che ho fatto nel contesto delle competenze trasferibili, come la leadership o il lavoro interfunzionale.

Ma cos’è l’ATS e a cosa serve?

ATS è il sistema di tracciamento dei candidati. Quando ci si candida per un lavoro, si pensa erroneamente che sia uno strumento di intelligenza artificiale a determinare se si hanno o meno le competenze necessarie. In realtà è più simile a uno schedario in cui vengono archiviati il curriculum e le informazioni principali. L’ATS è il primo passo. Quando un selezionatore mi dice “Diego, abbiamo bisogno di te per un colloquio”, mi collego a un portale che fa parte dell’ATS, dove vedo: il candidato, data del colloquio, il curriculum, il profilo LinkedIn, eventuali note del selezionatore, e su quel file, spesso ho la possiblità di inserire i miei feedback“.

Come scrivere il CV e prepararsi al colloquio da PM

Colloquio da PM: come prepararsi?

Arrivati a questo punto ci chiediamo: esiste una struttura che può aiutarci a fare colloqui migliori? Esiste un percorso generale per un colloquio o potrebbe essere molto diverso tra i vari ruoli? Scale up, start up, aziende, B2B, B2C, come posso prepararmi?

“È vero, è diverso. Diciamo che al centro di tutti i colloqui ci saranno sempre lo stesso tipo di domande. Ma poi, a seconda che si tratti di un colloquio per una startup o per un’azienda come Google, o per un’azienda di medie dimensioni per qualcosa di specifico, ci saranno diversi tipi di competenze da valutare. Faccio un esempio.

Ogni singola azienda vi chiederà: “Parlami di te”. Ogni singola azienda vi farà domande comportamentali relative alla gestione dei prodotti. Una tipica domanda che la maggior parte di noi ha avuto è qualcosa del tipo: raccontami di una volta in cui hai avuto un conflitto con gli engineers. Perché i PM lavorano sempre, se non quasi sempre, con loro. Se lavorate in front-end, allora vi verrà chiesto di lavorare con gli sviluppatori perché vogliono vedere come interagite con loro. Quindi, ci sono cose comuni legate alla gestione dei prodotti. Poi, a seconda dell’azienda, riceverete domande del tipo: come miglioreresti i prodotti? Come miglioreresti il tuo prodotto preferito? Un prodotto dell’azienda, un prodotto che non vi piace. Quindi, come si fa a pensare come un product manager?

E queste sono, direi, le tre componenti: L’introduzione, le domande comportamentali e le domande sulla progettazione del prodotto. Sono queste tre domande la cosa più comune di ogni colloquio per PM. Almeno fino a quando non si diventa manager. Una volta diventati manager, si tratta per lo più di colloqui esperienziali, comportamentali e di strategia di alto livello. Ma per i PM associati, i PM, i PM senior, i PM principali, è più o meno la stessa cosa.

E poi, come dicevo prima, cambia se si tratta di una startup o di una grande azienda tecnologica? La risposta è sì. Quando si pensa a una startup, a loro non interessa che tu sappia rispondere a una domanda come: perché Amazon ha acquisito Whole Foods? A loro interessa che tu capisca un po’ del settore in cui sei chiamato a lavorare utilizzando i dati. Quindi, le loro domande non saranno necessariamente comportamentali. Possono essere situazionali rispetto a ciò che l’azienda sta vivendo.

Non c’è un modo migliore per prepararsi a un colloquio, ma si possono fare molte ricerche sull’azienda, sul settore, sulla comprensione del mercato in modo da poter rispondere alle loro domande. Nessuno si aspetta che siate degli esperti del mercato o del settore, ma si aspettano che abbiate almeno un po’ di conoscenze, perché per una startup è rischioso assumere qualcuno, dato che hanno bisogno di molti finanziamenti.

Più grande è l’azienda per cui si lavora, più strutturato e standardizzato sarà il colloquio. Se cercate le domande per i colloqui di Google, Meta, Facebook o qualsiasi altra azienda, troverete un insieme di domande che non saranno molto diverse tra loro. È tutto abbastanza standardizzato. Quindi, più si sale in termini di dimensioni dell’azienda, molto più standardizzate saranno le domande; più si scende in termini di dimensioni, come nel caso di una startup, più specifiche saranno le domande.

Un consiglio per chi deve fare un assessment per ottenere una posizione di Product Manager

Abbiamo chiesto a Diego anche qualche consiglio da dare a chi sta per fare un test di valutazione per ottenere una posizione di Product Manager.

“Bisogna tenere a mente che a loro non interessa tanto la risposta quanto l’approccio per arrivare a quella risposta.

Quindi, a volte, vi chiederanno: “Oh, aiutaci con la roadmap”. Ma a loro non interessa solo la roadmap. Non è così che lavorano i product manager, non è così che lavoriamo noi. Partiamo da un problema, partiamo da un obiettivo. Conosciamo i nostri utenti, conosciamo il mercato, conosciamo i concorrenti, elaboriamo una strategia, creiamo una visione, comprendiamo il percorso dell’utente per identificare ciò su cui dobbiamo concentrarci. Una volta fatto questo, creiamo un’ipotesi e un processo per verificarla, che sia semplice come la creazione di alcuni mockup o di un prototipo. Una volta convalidata la nostra idea, passiamo allo sviluppo e alla nostra roadmap che comprende l’MVP, la fase uno, la fase due o altro. Quindi, quando si ricevono alcuni di questi compiti a casa, bisogna pensare a ciò che interessa loro: siete in grado di mostrare come si arriva a quel pezzo che vi stanno chiedendo? La roadmap, la fattibilità del prodotto.

Non limitatevi a dire: “Come posso migliorare il mio prodotto preferito? Boom, fatto. Ecco un problema che ho, andiamo a risolverlo”. I PM partono dagli obiettivi. Parlano di utenti, parlano di punti di pagamento, parlano di priorità, parlano di ipotesi di test. Quindi, la cosa più importante da fare se avete un compito a casa è affrontarlo come farebbe un product manager e non concentrarvi solo sulla domanda che vi stanno ponendo. La domanda che vi pongono sarà parte del processo, ma non l’unica parte del processo.

Concludo con una cosa. Il problema più grande che vedo fare alla maggior parte delle persone nei compiti a casa è che di solito si ha solo mezz’ora per presentare e si finisce con Power Point di 50 diapositive. Non avete tempo per 50 diapositive. È necessario essere concisi, brevi, andare al punto, mostrare loro ciò di cui hanno bisogno, ma anche il processo che avete seguito per arrivare a questo problema e a come intendete risolverlo”.

Riascolta l’intera puntata per approfondire l’intervista a Diego Granados, Coach e Senior PM @PayPaliscriviti alla newsletter di Product Heroes per non perderti neanche un nostro contenuto!

Facci sapere nei commenti tuoi dubbi o richieste, siamo qui per risponderti.

Dicci cosa ne pensi

Le slide sono disponibili per studenti ed ex studenti del Master in Product Management

Accedi a "Agile Starter Kit" Gratis

Iscriviti alla newsletter e accedi ad Agile Starter Kit: la cartella che contiene oltre 70 pagine su Agile, Scrum / Kanban, Organizzazione Team, User Story, Backlog, e tutto ciò che ti serve per partire.

Scarica il post sulle alternative a Scrum

Iscriviti alla newsletter e scarica gratuitamente il post "Agile Scrum: Alternative più flessibili e agili"